A UN CARO AMICO

(Dedicata ad Armando Sileri)

 
 

 

Amicu meu come te vedo bruttu

tu me tte stai ngrassanno com’e quaglie :

hai fatte, Dio ce sarvi, du barbaglie

che da bell’omo ch’eri, mo sei bruttu.

 

Guarda : trasudi l’untu da per tuttu,

a panza pare un otre de frittaglie ;

se non abbassi u pastu a forza ‘ e daglie

tu diventi un barattulu de struttu.

 

Lascia perde coll’auto de ghì a spassu :

fatte mmece una bella cavallina

e montala magara giornu e notte.

 

Perché pe consumà tutt’esso grassu,

non c’è che cavargà sera e matina,

fin a che non te senti l’ossa rotte.