SINCERITÁ

 
 

Senzale co o ghì sempre la pp’e fiere

n’ha viste, se po dì, d’ogni colore.

 

Un prim’e marzu a Campu Scorzapere,

doppu fenitu e contrattà una vacca,

e cocì p’illu guornu chiusu u giru,

‘nette nell’ostaria de Crepacore

ca speranza e magnasse una bujacca.

 

Immece lla’ nno meglio un cosu niru

vedde che tra i facioli ghia su e ghiò.

 

Allora strillò forte : cammeriere,

ordre che questa broa puzza che appesta,

me saperissi a dì che bestia è questa ?

 

- Una mosca ! Ma c’è cascata mo ;

perché quell’antre, brutte farabutte,

l’aveo levate tutte